Idee per arredare casa

Idee per arredare casa

Idee per arredare casa

Quando ci troviamo ad arredare casa dobbiamo sempre avere del buon gusto e l’arredamento dovrà essere fatto in base al nostro budget. La soluzione migliore è quella di abbinare pochi elementi utilizzato un unico filo conduttore che sia o il colore o lo stile o un decoro particolare.

Queste regole fondamentali valgono sia per le case di piccole che di grandi dimensioni. L’obiettivo è quello di ottimizzare il tutto puntando sugli arredi che siano sia intelligenti che versatili.

Un esempio sono i tavoli allungabili, letti o le sedie pieghevoli. Ecco alcune idee per arredare casa in modo del tutto originale.

Idee per arredare una casa piccola

I mobili trasformisti sono molto utilizzati per le case piccole per poter recuperare spazio. Si sa che non tutti possiamo vivere in una casa di piccole dimensioni, rendere la casa più chic. Le pareti colorate non sono particolarmente consigliate per chi vuole massimizzare gli spazi. In genere un appartamento viene soffocato con le pareti troppo scure, è sempre meglio puntare sui colori chiari come il bianco.

Inoltre gli spazi vengono ingranditi con il gioco degli specchi per creare una profondità dell’ambiente.

Vengono posizionati in genere sul soggiorno o all’entrata della camera da letto. Per chi ha una casa piccola l’ordine è fondamentale, le scarpe ed i vestiti devono stare tutti sistemati negli appositi armadi. Creare una zona per lo studio vicino alle finestre magari arredando con cuscini potrebbe essere un’idea originale.

Idee per arredare una casa di montagna

Per rendere la casa originale unica ed accogliente in realtà bastano solo delle piccole attenzioni sui minimi particolari. L’errore che non bisogna commettere è quello di arredare una casa di montagna come se fosse un classico arredamento cittadino.

In genere prevale principalmente lo stile rustico, che rende il tutto uno stile rurale e allo stesso tempo primordiale dando un valore del tutto grezzo alla casa. Se siete amanti del design animal, potrete anche optare per questa idea e non rendere l’arredamento del tutto di uno stile vecchio.

In genere vengono utilizzati per i pavimenti in legno come per tutti i componenti per l’arredo. In genere viene utilizzato l’uso della pietra ma anche per la pelle dei tessuti. Infine non può mancare come componente dell’arredamento il classico caminetto o per chi non lo preferisce può sempre optare una stufa in pellet.

Idee per arredare una casa al mare

Per arredare una casa al mare l’idea è quella di rendere la casa un ambiente più fresco ed allo stesso tempo accogliente. Per quanto possa sembrare banale non è poi così semplice. La prima cosa da poter scegliere è quella di puntare sui colori.

Per rendere l’appartamento del tutto originale, non bisogna puntare su un solo colore, ma di optare per più colori dal celeste, verde o il giallo. Questa tipologia di colori sarà in grado di trasmettervi tanta di quella positività ma allo stesso tempo donerà anche un brivido di freschezza.

Evitate i colori troppo accesi, per evitare che abbiano un effetto dominante su tutta la casa. Per renderla più accogliente scegliete divani o poltrone per poter ospitare amici o parenti ma che siano di dimensioni non troppo eccessive, quindi del tutto ingombranti.

Per la camera da letto, invece, usate colori in genere chiari come il bianco ma arredate con mobili e lampade colorate per donare un tocco di vitalità in più. Se infine avete un balcone mettete una sedia sdraio o un tavolino per creare una piccola oasi.

Come organizzare le pulizie casa

Come organizzare le pulizie di casa

Una casa pulita ed in ordine è il sogno di tutti. La verità però è, che senza un po’ di impegno e di fatica, questo non è possibile.

Sarebbe bello avere una bacchetta magica che con un solo tocco pulisse i piatti sporchi sul lavello, lavasse il pavimento e facesse sparire tutte le macchie in cucina.

Ovviamente una bacchetta magica del genere non esiste. Esiste però l’organizzazione e dei semplici stratagemmi che messi insieme possono dare ottimi risultati.

Pulire non è mai divertente e con i mille impegni che si hanno tutti i giorni molto spesso diventa anche una vera e propria tortura.

Vivere in un ambiente pulito però è essenziale, sia per un benessere mentale che soprattutto per un benessere fisico. L’igiene è alla base per una buona salute e quindi anche la sfera della pulizia della casa ha la sua importanza.

Per prima cosa ti vogliamo dire di fare un bel respiro profondo e di rilassarti per un attimo. Si, pulire è necessario e richiede impegno, ma non far si che questo diventi fonte di un alto livello di stress.

Ora che hai fatto un bel respiro è arrivato il momento di svelarti tutti i consigli e stratagemmi che abbiamo raccolto per te, per facilitarti di gran lunga la cura della tua casa.

 

Come organizzare le pulizie di casa: consigli utili

Come avrai già capito siamo ben consapevoli di come sia difficile avere una casa perfettamente pulita ed in ordine, soprattutto se la famiglia è numerosa e composta anche da bambini.

Ecco quindi dei utili consigli che ti possono davvero aiutare ad utilizzare al meglio il tuo tempo e le tue energie, ed allo stesso tempo, ad avere una casa pulita ed in ordine.

 

Come organizzare le pulizie di casa: il pavimento

Cominciamo con il dirti in primo luogo uno degli aspetti a cui devi dare maggiore attenzione.

Il pavimento è quella parte della casa più soggetta a macchie, in special modo se si hanno bimbi ed animali domestici in casa.

Ricordati sempre di passare la scopa o l’aspirapolvere ogni giorno.

Poi ti puoi aiutare anche con altri utili strumenti che puliscono più a fondo ed in maniera più veloce. Ad esempio proprio per i pavimenti puoi optare per un pulitore a vapore.

Il pulitore a vapore poi, è perfetto anche per una pulizia ed igienizzazione di altre parti della casa. Può quindi diventare il tuo braccio destro nella cura della tua dimora. Ti consigliamo l’articolo circa i migliori pulitori a vapore per trovare il modello perfetto per te.

Un altro consiglio che ti possiamo dare è quello di far togliere sempre le scarpe prima di entrare in casa. Questo farà sì che il pavimento resti pulito ed igienizzato più a lungo.

 

Come organizzare le pulizie della casa: arieggiare le stanze

Ecco un’azione che molto spesso viene sottovalutata.

Apri le finestre ed arieggia le stanze almeno 10 minuti tutti i giorni.

Questo farà si che in casa non si crei un odore di chiuso, inoltre la casa sarà meno umida allontanando il rischio di creazione di muffe.

Se poi tu, o un componente della famiglia, soffre di allergie particolari ecco che arieggiare la casa diventa addirittura la priorità numero 1 delle tue pulizie quotidiane.

 

Come organizzare le pulizie di casa: riordinare

Il colpo d’occhio è importante e quando una stanza è disordinata sembra sporca anche se in realtà è pulitissima.

Passa i primi 5 minuti di pulizia a raccogliere le cose sparse in giro ed a rimettere le cose al loro posto.

Puoi optare anche per prendere una scatola, od una cesta, in cui metterai tutte le cose che trovi in giro. Poi ogni singolo componente della famiglia prenderà le cose di sua proprietà per poi metterle nel loro apposito spazio.

Ecco quindi che tutti potranno collaborare e la casa sarà decisamente più in ordine.

 

Come organizzare le pulizie di casa: la cucina

La cucina è di sicuro la stanza della casa in cui si accumula più sporco.

Basta pensare al lavello, che si riempie di piatti da lavare, od al fornello, rimasto sporco dall’ultimo pasto preparato.

Prendi l’abitudine di non lasciare mai cose da lavare nel lavello.

Quando cominci con la pulizia della cucina parti sempre proprio con il lavare tutti i piatti.

Se hai la lavastoviglie poi ancora meglio. Prendi l’abitudine di svuotarla per poi poter riporre i vari bicchieri, posate e piatti che si sporcano nell’arco della giornata per poi farla partire ogni volta che è piena.

Altra cosa poi è il fornello.

Lasciare li macchie per molto tempo porta alla formazione di croste che poi sono difficili da togliere. Croste del tutto evitabili se con una spugna bagnata si dà una passata subito dopo finito di cucinare.

Piccoli accorgimenti ma che a colpo d’occhio fanno una grande differenza. Vedere un lavello vuoto ed un fornello pulito fa già tutto un altro effetto.

 

Come organizzare le pulizie di casa: la polvere

La polvere purtroppo si forma ogni singolo giorno. È una cosa del tutto naturale ma se si passa un panno quotidianamente ecco che non ci si ritroverà mai con strati immensi di polvere da togliere.

Uno straccio cattura polvere, oppure uno straccio umido, sarà più che sufficiente.

Una passata veloce e già tutto sembrerà più luminoso.

 

Come organizzare le pulizie di casa: il bagno

Un’altra stanza che richiede una pulizia ogni singolo giorno è sicuramente il bagno.

Ma attenzione, perché in sé, non è una incombenza così pesante.

Infatti con uno spray specifico ed una spugna non serve poi così tanto tempo.

Una volta alla settimana poi, ti potrai dedicare ad una pulizia più approfondita.

Ricorda inoltre che il calcare si può tranquillamente evitare se si prende l’abitudine di asciugare i rubinetti dopo ogni utilizzo.

 

Come organizzare le pulizie di casa: i letti

Altra cosa fondamentale è quella di rifare i letti ogni mattino dopo aver arieggiato la casa.

In sé, se ci pensi bene, quanto tempo si impiega a fare un letto? Pochi minuti ma che già bastano per dare un’aria più ordinata e precisa alla stanza.

In inverno poi optate per un copripiumone così da velocizzare ancora di più l’azione.

Perfetto poi impostare la regola che ogni membro della famiglia rifaccia il proprio letto. Anche i bambini possono tranquillamente collaborare così da sentirsi partecipi nella vita famigliare.

 

Come organizzare le pulizie di casa: pianificazione

Infine il consiglio più importante: la pianificazione.

È importante che tu abbia ben chiaro nella tua testa il piano d’azione.

Per aiutarti prendi carta e penna e comincia a stilare una lista di tutte le cose che devi fare. Ad esempio: fare i letti, spazzare il pavimento, pulire il bagno, fare i piatti, ecc.

Come noterai ci sono pulizie che vanno fatte ogni singolo giorno e pulizie che invece puoi fare con una assiduità minore. Dividi queste azioni e crea così il tuo piano settimanale perfetto.

Un esempio pratico? I letti vanno fatti tutti i giorni quindi in ogni giorno dovrai inserire la voce: fare i letti. Come hai letto prima invece la pulizia profonda del bagno puoi farla una volta alla settimana quindi inserisci quella voce in un giorno in cui hai più tempo.

Avere un piano d’azione preciso e ben strutturato ti aiuterà ad avere la situazione sotto controllo e quindi ad avere, non solo le pulizie ben distribuite, ma anche uno spreco minore di energie e un livello più basso di stress.

Come arredare la camera da letto

Come arredare la camera da letto

Arredare la propria casa è sempre una di quelle cose che può portare mille dubbi, ma anche molte soddisfazioni.

C’è chi ha le idee chiare e già sa cosa cerca e desidera. C’è chi invece ancora non è sicuro dello stile che vorrebbe dare alla propria dimora e nemmeno sa di cosa veramente ha bisogno.

Arredare una casa è un’azione poi che richiede anche una spesa di denaro non indifferente, proprio per questo è bene ponderare con attenzione prima di fare scelte sbagliate.

Se la cucina è sicuramente la stanza che richiede maggior impegno nell’organizzazione e pianificazione, bisogna dire che vi è anche un’altra stanza davvero importante: la camera da letto.

La camera da letto infatti è il luogo dove ci si riposa, e proprio per questo è bene studiare al meglio la sua composizione.

Inoltre è anche un luogo in cui ci si può rilassare e creare un angolo tutto per sé stessi.

Insomma la camera da letto necessita delle giuste attenzioni e noi siamo qui per darti le giuste informazioni, per far si che il risultato finale sia perfettamente ottimale per rispondere alle tue esigenze.

 

Come arredare la camera da letto: gli elementi chiave

Una camera da letto in sé non necessita di moltissimi mobili ed accessori.

Tuttavia bisogna dire che ogni singolo mobile ha la sua estrema importanza.

Abbiamo quindi pensato di approfondire ogni singolo elemento chiave che, nell’insieme, andrà a costituire la tua camera da letto ideale.

Ogni singolo aspetto ha delle caratteristiche e dinamiche da considerare, alcune del tutto ovvie, altre invece molto spesso ignorate, in particolar modo se è la prima volta che ti appresti ad arredare una casa.

Scopriamo insieme tutti gli elementi da considerare per creare una camera da letto.

 

Come arredare una camera da letto: il letto

Il primo e fondamentale elemento che devi considerare è il letto.

Una volte scelto quello perfetto per te potrai poi cominciare a “costruire” anche il resto della stanza.

Il letto infatti è dove andrai a far riposare il tuo corpo, e come ben sai un buon riposo è alla base per un corpo sano ed in salute.

Ci teniamo però a fare una piccola precisazione: quando parliamo di letto intendiamo si la struttura ma anche la rete ed il materasso che hanno un ruolo ancora più importante.

Per quanto riguarda la struttura ti possiamo dire che in commercio troverai davvero di tutto: legno, ferro, alluminio, plastica, tessuto, pelle e molto altro.

Ti consigliamo sicuramente di optare per il legno oppure per il tessuto. Sono i materiali migliori per quanto riguarda la durabilità ed il comfort.

Attenzione però, perché se optate per un letto in tessuto imbottito controllate sempre che poi sia del tutto sfoderabile e lavabile così da non incappare in brutte sorprese in futuro.

Ottimo poi optare per una struttura con testiera così da avere un supporto nel caso si voglia leggere o guardare la tv a letto.

Infine se hai una camera di piccole dimensione opta per una struttura con cassetto contenitore così da guadagnare dello spazio utile.

Detto questo passiamo invece all’elemento più importante in assoluto: il materasso.

In questo caso ti consigliamo vivamente di non guardare al prezzo. Meglio risparmiare su altri elementi come ad esempio lampadari e comodini ma spendere un po’ di più sul materasso.

La tua salute trarrà un grande vantaggio da un buon materasso. Ti consigliamo di optare per un materasso memory foam od in lattice. Il discorso è davvero vasto e noi, in questo articolo, ci vogliamo soffermare sugli elementi chiave di una camera da letto in generale. Ti consigliamo quindi di leggere l’articolo relativo ai materassi in lattice, così da farti un idea più chiara circa il materasso in lattice da scegliere, soprattutto se hai problemi legati ad allergie o postura.

Potrai trovare, inoltre, anche materassi combinati, frutto dell’utilizzo sia di memory foam che di lattice da utilizzare a seconda della temperatura esterna.

 

Come arredare la camera da letto: l’armadio

Passiamo ora ad un altro elemento chiave, ovvero l’armadio.

Qui le idee sono davvero moltissime.

Devi prima di tutto capire se vuoi optare per un armadio classico con ante e cassetti, o se al contrario vuoi optare per una cabina armadio aperta.

Sono due tipologie del tutto separate e lontane tra di loro e quindi è bene pensarci bene.

Ti possiamo dire che una cabina armadio aperta ti dà sicuramente più spazio. Devi però organizzarlo al meglio con mensole, cassetti, scatole, appendiabiti, ecc.

Certo che la scelta va presa anche in base allo spazio che si ha nella stanza.

Una cabina armadio infatti richiede almeno l’utilizzo di una parete. Devi quindi valutare in base alle tue possibilità.

Se non hai molto spazio o magari non ti piace l’idea di un’armadio aperto ecco che il classico armadio con ante è più che perfetto.

 

Come arredare la camera da letto: l’illuminazione

Molto spesso non si dà grande attenzione all’illuminazione ma in realtà man mano che si vive la stanza ecco che ci si accorge che forse era meglio pensare a qualche soluzione adatta.

Prima di tutto devi sapere che in una camera da letto è sempre meglio avere il classico lampadario ma anche delle comode lampade da comodino così da poter avere un’illuminazione meno invadente e perfetta per la fase pre-sonno.

Inerente alle lampade da comodino ovvio che servono anche i comodini su cui appoggiarle. Li potrai acquistare anche muniti di comodi cassetti così da riporre altri oggetti o piccoli indumenti come i capi intimi.

 

Come arredare la camera da letto: i colori

Finiamo infine con un aspetto che in realtà non è un mobile od un accessorio ma che influenza molto sull’aspetto e l’atmosfera finale della stanza.

Ovviamente stiamo parlando dei colori.

I colori da scegliere non sono solo quelli delle pareti, ma anche quelli dei vari mobili e della biancheria da camera come la trapunta, le tende e le lenzuola.

Per quanto riguarda la camera da letto ti possiamo dire che, anche se sei un grande amante dei colori vivaci e solari, è sempre meglio optare per colori tenui come bianco, azzurro, beige o tonalità del legno e grigio.

Questi colori infatti infondono visivamente un senso di maggiore tranquillità e quiete.

Il giallo, il rosso, il fucsia sono colori sicuramente bellissimi ma meglio sceglierli per altre stanze della casa.

Lavastoviglie Slim

Lavastoviglie Slim: la comodità in poco spazio

Hai poco spazio in cucina? Hai pensato a tante soluzioni per risparmiare spazio e la conclusione è stata quella di rinunciare alla lavastoviglie? Sbagliato! Esiste infatti una soluzione moderna ed è la lavastoviglie slim!

 

Se ti può consolare, non sei l’unica ad aver problemi di spazio. Soprattutto nelle grandi città capita sempre più spesso di dover sacrificare parti dell’arredamento, in particolare nell’area cucina. Spesso questa è ricavata come angolo cottura all’interno del salone, rendendo ancora più complicata la collocazione di un elettrodomestico come la lavastoviglie, sia per problemi di spazio, che di arredamento.

Tuttavia, in questi ultimi anni, il mercato si è notevolmente evoluto, fornendo delle soluzioni eleganti ed efficienti per risolvere il problema dello spazio in cucina.

 

Lavastoviglie slim: cosa sono?

Le lavastoviglie slim sono delle lavastoviglie dalle dimensioni molto più compatte di quelle che siamo abituati a conoscere. Le opzioni sono diverse ma le più diffuse in assoluto sono rappresentate sicuramente dai modelli alti e stretti. Esistono però anche dei modelli alternativi, da poggiare sopra dei piani, che risultano perciò più larghi che alti.

 

Attualmente le lavastoviglie slim non sono molto conosciute e popolari, sia a causa della scarsa diffusione, ma anche per via di una fisiologica diffidenza da parte dei consumatori verso una tipologia di prodotto tutto sommato nuova. Vediamo perciò di sfatare alcuni falsi miti che girano attorno a questi apparecchi.

Per risparmiare spazio devo rinunciare al design?

 

Assolutamente no! Le lavastoviglie slim esistono di ogni forma, colore e tipologia. Puoi trovare sia i modelli da incasso, che quelli a libera installazione. Per quelli da incasso dovrai solamente studiare la dimensione perfetta e verificare se il pannello da applicare davanti, per abbinare la lavastoviglie alla tua cucina, possa essere personalizzato nelle dimensioni che servono a te. Con questa soluzione potrai ottenere una cucina molto elegante e perfettamente su misura anche in pochissimo spazio!

 

Abbiamo poi i le lavastoviglie slim a libera installazione. Con queste potrai sbizzarrirti ancor di più e seguire la tua fantasia! Troverai infatti modelli per tutti i gusti. I modelli più eleganti sono quelli sui colori scuri o color metallo lucido, da abbinarsi ad un arredamento moderno. Sono particolarmente indicati per saloni con angoli cottura, magari con design moderno e minimale. Oppure puoi trovare i più classici modelli bianchi o misti neri e bianchi, perfetti per le cucine dedicate. E infine…le lavastoviglie colorate! Impegnandoti un po’ potrai scovare sul mercato delle lavastoviglie colorate davvero belle e fantasiose, pronte per rallegrare la tua cucina occupando meno spazio possibile!

 

Dovrò invece rinunciare alla qualità?

 

Dopo aver capito che possiamo trovare modelli di lavastoviglie veramente compatti e dal design accattivante, i dubbi legati alla scelta di un modello slim non sono certo totalmente risolti. Tanti consumatori pensano infatti che un elettrodomestico più piccolo possa comportare inevitabilmente anche delle rinunce dal punto di vista qualitativo, ovvero quello relativo all’efficacia e alla profondità della pulizia. Ma è davvero così? Scegliere una lavastoviglie slim significherà per forza rinunciare alla qualità? Anche qui la risposta è assolutamente no! Nella scelta di una lavastoviglie compatta dovrai analizzare gli stessi elementi di cui si tiene conto nell’analisi di una qualsiasi lavastoviglie. I modelli slim sono molto meno diffusi sul mercato rispetto a quelli di dimensioni normali e le case produttrici preferiscono produrre pochi modelli per queste esigenze, ma con un particolare occhio di riguardo per la qualità. È comunque sempre opportuno ricercare opinioni e spunti online, soprattutto in portali qualificati che si occupano di analizzare il mercato con attenzione, come il famosissimo Altroconsumo o servizi totalmente gratuiti come lemiglioriopinioni.it.

 

Conclusioni

 

Hai poco spazio in cucina e hai pensato di dover rinunciare a qualcosa? In definitiva dopo questo discorso possiamo dire che non dovrai rinunciare alla lavastoviglie! La parola d’ordine è: organizzazione! Organizza il tuo spazio e lascia libero solo quello che serve per questo piccolo elettrodomestico, non te ne pentirai! Il mercato offre sempre più lavastoviglie slim che ti permetteranno di avere tutto ciò che serve in pochissimo spazio.